Scarica il programma di Odissea 2018 o la locandina in formato PDF

 

Dove non indicato inizio spettacoli ore 21,30

Ingresso gratuito salvo altra indicazione

info: mobil 338 4716643
mail: info@piccoloparallelo.net

dalle ore 17 del giorno di spettacolo è attivo il cell. 339 8181799

 


 

Sabato 23 giugno Torre Pallavicina (Bg)

ritrovo dalle ore 20,30, Mulino di Basso V. Madonna di Loreto. Partenza ore 21.

Posti limitati. Partecipazione gratuita. Massimo 60 persone. Prenotazione obbligatoria

IL RESPIRO DEL FIUME

vaganza notturna lungo l'Oglio

Guida ENZO G. CECCHI

Cura Marco Zappalaglio

Con Emi Zappalaglio e Paolo Comensoli.

Con Giuseppe Corbellini, Cecilia D'Agostini, Angelo Del Barba, Francesco Jommi, Manuela Minucciani, Massimo Piacentini, Luisa Pusterla.

 

Conclusione del progetto "Essenze di Fiume — Primavera 2018" in collaborazione con il Parco Oglio Nord e inizio benaugurale di “Odissea18”. Ancora il nostro "Respiro del Fiume", ancora in notturna e ancora solo su prenotazione. Lungo e dentro l'Oglio, un rito per addentrarsi nel proprio cuore e nei labirinti della mente. Un'esperienza sensoriale e non uno spettacolo. 23 giugno, San Giovanni e quest'anno la camminata sarà appunto dedicata alla Festa di San Giovanni, così' come si celebra in certe zone italiane e in diversi paesi dell'America Latina. Quest'anno torneranno anche diversi attori, "fantasmini dei sogni, della mente e della notte" e sempre presenti i rituali che metteranno in gioco le persone partecipanti. La notte, i pensieri, la malinconia e l'allegria, l'acqua e il fuoco e infine la festa vera e propria con il falò degli spaventapasseri e la condivisione del cibo che ognuno di noi avrà portato da casa. Le regole verranno comunicate solo ai partecipanti. Info e prenotazioni : enzogcecchi@gmail.com

 


 

Domenica 24 giugno Verolavecchia (Bs). Monticelli d'Oglio dalle ore 16 in caso di maltempo Palestra Comunale

POMERIGGIO MAGICO A MONTICELLI D'OGLIO

MICHELE CAFAGGI

FISH & BUBBLE

 

Un omino misterioso gira con il suo carrettino e tanti oggetti con i quali crea giochi magici che coinvolgono adulti e bambini: giochi d'acqua, clownerie, magie, bolle di sapone. Un Pescatore della domenica è perseguitato da una nuvoletta dispettosa che lo innaffia ovunque vada. Ma non c'è nulla da temere lui non si dispera, lui è fatto di sapone e i suoi pensieri sono bollicine colorate e per lui la pioggia è una ghiotta occasione per mostrarvi i suoi giochi preferiti! Lo spettacolo è stato presentato in Italia, Francia, Spagna e Giappone

 

VALENTINA FRANCHINO

SULLA LUNA

Acrobazie aeree e comicità in volo

 

Una sposa, che non si ricorda più perché sta lì, ai piedi di una luna. Esilaranti giochi e acrobazie aeree per farci arrivare alla libertà e alla magia che solo il volo ci può dare. Sulla Luna non è solo uno spettacolo di acrobazie aeree. E' una semplice storia che mostra come la vita ci sorprende. Il centro è la luna alta 5 metri che si trasforma: na luna nave, una luna casa e una culla, che nasconde e che sorprende. Culla di luna, luna di mare, luna blu che fa volare ...

 


 

Lunedì 25 giugno Orzinuovi (Bs). Biblioteca Piazza Garibaldi

ELENA GUERRINI

VIA DELLE DONNE. POCHE E QUASI TUTTE SANTE

Realizzato con il sostegno di Armunia Centro di Residenze Artistiche — Castiglioncello-Festival Inequilibrio”

e la collaborazione di Associazione Toponomastica Femminile media partner: la27ora del Corriere della Sera.

 

Quante vie sono dedicate alle donne? Pochissime e quasi tutte a Sante. Alle donne tocca circa il 6%, triste verità. La toponomastica italiana è quasi tutta al maschile. Partendo da questo dato Elena narra tre storie di donne, sorprendenti, come Alfonsina Morini Strada, la prima donna ad aver corso il Giro di Italia insieme agli uomini, Marina Santa che per tutta la vita ha finto di essere un frate, Giuseppina Pizzigoni, che cento anni fa creò gli orti scolastici e le aule nel bosco. Lo spettacolo chiede aiuto al pubblico che collabora segnalando donne meritevoli di una via e scegliendo le musiche con lo smartphone che dovrà rimanere rigorosamente acceso. L'apparente informalità dello spettacolo, che si presenta come una sorta di “prova aperta” crea un clima intimo e colloquiale, forte della capacità affabulatoria dell'attrice.

Posti limitati.

 


 

Mercoledì 27 giugno Torre Pallavicina (Bg). Palazzo Botti Via San Rocco 1

ARIANNA SCOMMEGNA GIULIA BERTASI

UN ALBERO DI 30 PIANI

reading teatrale con accompagnamento musicale

 

Chi conosce il percorso artistico di Arianna Scommegna non può mancare a questo nuova prova d'attrice (presentata qui in Odissea in anteprima) con la quale l'artista si misura con brani, poesie e canzoni di autori vari in un reading musicale dedicato alla Terra. “Appartengo alla Terra. E come me tutta l'umanità, e ogni forma di vita. Piante e foreste, frutti e fiori, e ancora fiumi, monti, animali d'ogni specie e tutto ciò che il lavoro umano ha plasmato e trasformato nel tempo. San Francesco la chiamava sorella e madre, che ci governa e dà sostentamento. Le parole di Carlo Petrini, fondatore di Slow Food, sono per noi una guida per questa lettura musicata che ci invita a riflettere e anche a divertire”. Alla fisarmonica Giulia Bertasi.

 


 

Sabato 30 giugno Palazzolo sull' Oglio (Bs). Cortile del Comune in caso di maltempo Teatro Sociale Piazza Zamara, 9

MARIELLA FABBRIS

DIVINA IL MESTIERE DELL'ATTRICE

(Ma che maniera far sempre finta di essere un'altra!)

Di e con Mariella Fabbris al pianoforte Ilaria Schettini

 

Una signorina elegantemente vestita di rosso, un po' fuori moda, affascinante e una giovane pianista, vestita per una serata musicale,bella ed elegante. La Signorina, assidua frequentatrice di teatri, si appassiona soprattutto ai ruoli femminili in un gioco continuo di sovrapposizioni tra il suo essere pubblico e il voler essere interprete. L'ironia attraversa gli stati d'animo, nel gioco di essere e non voler essere quel personaggio. Una carrellata di personaggi: Santa Giovanna, Ofelia, la Lupa, Desdemona, Giulietta, Medea ... Unite da un filo, lo stato d'animo delle donne costrette ai traumi e alla segretezza, alle violenze sottili e insidiose, dove la vergogna e la sfiducia in se stesse alimenta l'isolamento e l'indifferenza sociale. La divina a cui è dedicato il testo è Anna Magnani ... cupa e fresca.

 


 

Domenica 1 luglio San Paolo (Bs). Cascina del Laghetto di Scarpizzolo ore 12,30 e 20,30

MARIELLA FABBRIS

L'ALBERO DELLE ACCIUGHE

(liberamente ispirato dal libro “Il Salto dell'acciuga” di Nico Orengo)

Spettacolo/racconto di teatro e cibo

 

È un'acciuga, la “putina”, pescata e trasformata con un profumo prezioso che sa di mare e degli odori dell'orto, la protagonista di questo appassionante piece. Il racconto segue una traccia antica e avventurosa: quella del commercio del sale e delle acciughe, un traffico che si perde nella notte delle fiabe e dei miti, dove il mondo marinaro si fonde a quello contadino. Il libro di Orengo racconta, ricorda, intreccia notizie storiche e storie di paese, insegue mestieri perduti, ci incanta, accompagnandoci alla scoperta delle verità poetiche e umane che si nascondono nei viaggi millenari del sale e dell'acciuga. L'attrice invita il pubblico a immergersi in questo mondo tra sapori mediterranei e storie ormai antiche, degustando pane, vino e acciughe preparate in almeno dodici modi diversi. Posti limitati. Prenotazione obbligatoria. Costo € 25

Mail: matilde.vassalli@unibs.it mobil: 338 4116854

 


 

Martedì 3 luglio Chiari (Bs). Quadriportico della Biblioteca comunale Fausto Sabeo

entrata da via Ospedale vecchio 8. in caso di maltempo Salone Marchettiano, Via Ospedale Vecchio 6

MATTIA FABRIS, MASSIMO BETTI

OPEN

Tratto dall'autobiografia "Andre Agassi. La mia storia"

 

OPEN è l'autobiografia di André Agassi uno dei più grandi campioni di tennis di tutti i tempi. Costretto ad allenarsi da quando aveva quattro anni da un padre dispotico ma determinato a farne un campione a qualunque costo, Agassi cresce con un odio smisurato per il tennis. Contemporaneamente però prende piede in lui anche la consapevolezza di possedere un talento eccezionale. E tra una pulsione autodistruttiva e ricerca della perfezione si svolge la sua incredibile carriera sportiva. Capelli ossigenati, orecchino e una tenuta più da musicista punk che da tennista, Agassi ha sconvolto l'austero mondo del tennis, raggiungendo successi mai vista prima. Mattia Fabris ci racconta questa storia potente e dolorosa, magnifica e inquietante accompagnato da Massimo Betti alla chitarra.

 


 

Giovedì 5 luglio Palosco (Bg). Parco Marinai

in caso di maltempo presso l' Auditorium Comunale, Piazza Castello

COMPAGNIA LANNUTTI & CORBO

All'inCIRCO VARIETÀ

Con Domenico Lannutti e Gaby Corbo

 

Domenico Lannutti (Italia), comico, attore, mago, autore, regista e insegnante di teatro comico e Gaby Corbo (Argentina): acrobata, attrice e insegnante di circo teatro. I loro spettacoli fondono comicità, magia, acrobazia, trasformismo, poesia e follia, spettacoli d'arte varia a cavallo tra il circo-teatro e il cabaret. Lo spettacolo è un varietà surreal-popolare, popolato da personaggi bizzarri e assurdi: un imbonitore, una soubrette, Saverio l'oggetto del desiderio, un acrobata che vuole vivere in un mondo alla rovescia, un ventriloquo muto, il mago della Maiella e la sua assistente, e altri ... Lo spettaoclo fa ridere e sognare con la testa, la pancia e il cuore ed è godibile dai 0 ai 100 anni, può essere degustato a qualsiasi ora del giorno e della notte, prima e dopo i pasti: in pochi anni è riuscito a collezionare più di trecento repliche in tutta Europa.

 


 

Sabato 7 luglio Volongo (Cr). Ritrovo ore 19,30, Parco didattico sul Fiume Gambara

Posti limitati. Partecipazione gratuita Indispensabile la prenotazione

IL RESPIRO DEL FIUME

Vaganza notturna lungo il Fiume Gambara Guida ENZO G. CECCHI

 

Un'esperienza sensoriale lungo il Gambara, là dove due Fiumi si incontrano in uno sposalizio definitivo. Percorreremo assieme l'ultimo tratto del Fiume Gambara prima che questo si unisca lentamente, svogliatamente diremmo, con l'Oglio. Ci faranno compagnia la luce del tramonto, la vegetazione, il canto degli uccelli, i rumori di lontane attività contadine. L'animale umano affina i cinque sensi e percepisce nuove e impreviste sensazioni. Ogni partecipante dovrà portare qualcosa da mangiare che dovrà condividere con gli altri alla fine della camminata. Le regole, la liberatoria e gli oggetti necessari saranno comunicati solo ai partecipanti. Il numero minimo dovrà essere di 20 persone, il numero massimo di cinquanta. Info e prenotazioni: info@piccoloparallelo.net — cell. 338 4716643

 


 

Domenica 8 luglio Rudiano (Bs). Giardini di Palazzo Fenaroli

in caso di maltempo Auditorium delle Scuole elementari, Via Alcide De Gasperi, Sala con aria condizionata

FRANCESCA PUGLISI

CCÀ NISCIUNO È FISSO

regia Alessandra Faiella musiche suonate registrate da Luca Fraula

Testo finalista al Premio “Anima e corpo del Personaggio femminile” Edizione 2015

 

Un monologo irresistibile sul tema della precarietà. Lavoro, casa, amore visti attraverso gli occhi di una giovane attrice di teatro — lavoro precario per eccellenza — che racconta con umorismo e autoironia la sua realtà quotidiana creando un rapporto di grande empatia con il pubblico: “Prima noi attori avevamo il privilegio di essere fra i pochi precari nel mondo del lavoro, ci potevamo atteggiare, fare i tormentati, i dissoluti, tutto genio e sregolatezza ... adesso siamo più stabili noi di un manager!” La precarietà ha molti volti: è ragione di sofferenza, alibi per vivere secondo le proprie esigenze, condizione subita oppure scelta coraggiosa. “Racconto tutte queste sfumature, con ironia, attingendo a episodi emblematici della mia vita sentimentale e lavorativa che risulterà alla fine non così diversa da quella di chi fa un mestiere socialmente riconosciuto. Ridere di se stessi aiuta a vivere meglio!”

 


 

Giovedì 12 luglio Rudiano (Bs). Auditorium delle Scuole elementari

Via Alcide De Gasperi Sala con aria condizionata

PICCOLO PARALLELO ENZO G. CECCHI

L'ANGELO NATO DA UN SOGNO (LA CONDIZIONE DI PIETRO)

test, regia, interpretazione Enzo G.Cecchi Sguardo esterno Gian Marco Zappalaglio

 

Fra i calanchi delle colline romagnole scaturisce la condizione di Pietro. Un uomo che solo in età adulta scopre che non era figlio dei suoi genitori. Da questa scoperta inizia un'indagine sulla propria origine familiare in una Romagna “mitica”. Il tutto è narrato in terza persona, quasi un "mistero sacro" rivelato da un amico che Pietro ha voluto vicino a se ... per celebrare la vita, quella che viene e quella che va. ” Si può dire che Cecchi danzi, in quel suo modo quasi sbilenco, da ballerino che ne ha fatti di balli, e ora li accenni con una punta di ironia; e che canti, in quel suo modo quasi rauco, come si canta tra sé, e che sentiamo definirsi nella melodia del "Tango delle capinere", a voce ora spiegata ora mormorata “. “ ... Spettacolo potente insomma, anche perché fuori dai canoni e dalle mode, forte di un' appena accennato sapore biografico ... ”. Recensione da “Sipario”, Luglio 2017.; Franco Acquaviva.

 


 

Sabato 14 luglio Calvatone (Cr). Casa dei Frati, località Santa Maria

Ritrovo in Piazza Donatori del Sangue alle ore 20,45, partenza a piedi ore 21.

In caso di maltempo stessa Piazza, Sala Civica.

ENSEMBLE VOCALE VIRGO VOX

BUIA E' LA NOTTE

Viaggio vocale per piccolo ensemble di voci e chitarra — Alla chitarra Tommaso Sabella

 

L' Ensemble Femminile VirgoVox inserisce la polifonia vocale contemporanea, di cui si occupa da anni, in un contesto molto estraneo alla contemporaneità: sotto la volta del cielo, senza elettricità, lontani dai rumori della città ... Ma davvero il buio è così lontano dalla nostra esperienza quotidiana? Giochi di voci femminili, nel canto e nella lettura, il suono di una chitarra, la luce fioca di qualche candela saranno gli ingredienti per intuire quanto il buio sia fuori o dentro di noi e quanto la luce ci appartenga anche nel profondo della notte. Con gli occhi chiusi dal sole ormai scomparso e il cuore aperto alla musica di lunari voci femminili. "Quando la luna gioca a nascondino, ritorna alla sua prima età, quella dell'innocenza, quando anche lei pensava di dare luce alla terra nelle ore buie. Poi capì che non c'è luce che illumini il buio delle coscienze ... ".

 


 

Domenica 15 luglio Sonciono (Cr). Parco del Tinazzo

MARIA CONTARDI

E' COL CAVOLO CHE DIPINGO!

Laboratorio di pittura con ingredienti naturali — per ragazzi dai 6 anni in poi. Durata: due ore circa

 

Il suggestivo ambiente del Parco del Tinazzo sarà la sede per un curioso e inusuale esperimento: un laboratorio di pittura. Utilizzando antiche ricette, ingredienti trovati nel bosco e un pizzico di magia si useranno foglie, galle, bacche, cipolle, foglie di cavolo, terra e tanto altro per creare diversi acquerelli e un insolito inchiostro da usare per creare un dipinto unico del suggestivo ambiente del Parco. Ogni bambino dovrà avere un cuscino per sedersi a terra. I posti sono limitati. La partecipazione è gratuita con obbligo di prenotazione entro venerdì 14 al cell. 338 4716643

mail: info@piccoloparallelo.net.

 


 

Giovedì 19 luglio Roccafranca (Bs). Polo Civico Asilo Vecchio Via Chiesa 5

in caso di maltempo, Sala Polivalente, stesso cortile

ECCENTRICI DADARÒ ROSSELLA RAPISARDA

NINA

Ispirato da “Il Gabbiano” e “Epistolario” di Anton Cechov

Premio Nazionale Calandra 2013 come Migliore Spettacolo Premio Nazionale Calandra 2013 come Migliore Attrice

 

Un attrice e un personaggio, un fantasma. Ma a volte, in teatro, i fantasmi sono “più vivi e più veri d'ogni cosa viva e vera”. Attraverso atmosfere rarefatte e momenti comici, il pubblico diventa partner intimo di un dialogo che tocca profondamente il tema del mistero dell'uomo e delle sue scelte, il mistero di questa insanabile e commovente sospensione tra terra e cielo, tra richiamo verso l'alto e bisogno di radici, celebrando così l'Amore per la vita che seduce e spinge oltre, fino ad affermare con Cechov: “Com'è tutto meravigliosamente mescolato in questa vita.”. Un treno. Un biglietto del treno. Uno spettacolo da fare prima di partire. Una scommessa da giocare fino in fondo. Una storia di Amore e Amore. Dopo l'incontro con Alda Merini dello scorso anno, Rossella Rapisarda ci guida in un'altra appassionante e coinvolgente storia d'amore.

 


 

Venerdì 20 luglio San Martino dall'Argine (Mn). Chiesa Castello

PICCOLO PARALLELO ENZO G. CECCHI

L'ANGELO NATO DA UN SOGNO (LA CONDIZIONE DI PIETRO)

test, regia, interpretazione Enzo G.Cecchi

Sguardo esterno Gian Marco Zappalaglio

 

Fra i calanchi delle colline romagnole scaturisce la condizione di Pietro. Un uomo che solo in età adulta scopre che, forse, non era figlio dei suoi genitori. Da questa scoperta inizia un'indagine sulla propria origine familiare da cui trarre indicazioni sulle sue incerte origini. “In scena non c'è un attore e non c'è un narratore; c'è un uomo in elegante giacca nera, dai movimenti precisi, dalle traiettorie spaziali ben delineate, che pare evocare mondi remoti, e lo fa a volte lasciando sgorgare per repentini sussulti una risata profonda, grave, ironica, antica, consapevole. La sua è una presenza quasi ieratica, ma di una ieraticità contadina, con quella solennità semplice che può avere un uomo che ha lavorato la terra tutta la vita, e tuttavia in quella terra ha visto il proprio piccolo cosmo riflettersi nel cosmo più grande, con i suoi misteri “. Recensione da “Sipario”, Luglio 2017, Franco Acquaviva.

 


 

Sabato 21 luglio Orzinuovi (Bs). Arena dietro la Rocca

in caso di maltempo Centro Culturale Aldo Moro, Via Palestro, 17

FRATELLI CAPRONI

OPERATIVI!

Vincitore Concorso Nazionale Cantieri di Strada 2014

con Umberto Banti, Andrea Ruberti e Dadde Visconti

Regia Mario Gumina.

Musiche Marco Pagani fotografie Alessandro Acerbi produzione Eccentrici Dadarò

 

Ci sono tre soldati: un tedesco, un americano e un italiano. Non è una barzelletta, è una storia vera, una storia senza tempo. Tre clown-soldati, reduci di tutte le guerre della storia arrivano alla guida della loro jeep militare per innalzare un monumento ai caduti di ogni guerra e ricordare quanta stupidità ci sia stata nella storia. E così, anche se gli stupidi ai nostri occhi sembrano loro, i veri stupidi in realtà risultiamo essere noi, che non impariamo mai dalla storia e dimentichiamo tutto. Per questo bisogna innalzare monumenti a imperitura memoria, per non dimenticare. Ma accade che siano proprio i tre soldati a ricadere nel vizio della guerra mentre elevano il monumento, e allora si confonde tutto e si finisce a ridere della stupidità, tra gags classiche e sorprendenti, fraintendimenti e tradimenti, guardando con i nostri occhi di sempre l'ingenuità dei clown e la debolezza dell'uomo.